Finanziamenti per le imprese: moratoria dei crediti per un anno. Accordo Abi Governo

finanziamenti agevolati alle imprese

finanziamenti agevolati alle imprese

Finanziamenti alle imprese, moratoria dei crediti per un anno grazie all’accordo ABI – Governo.
La  misura è volta ad  assicurare  disponibilità di adeguate risorse finanziarie alle PMI che, pur registrando tensioni sul fronte della liquidità, presentano comunque prospettive economiche positive.
Obiettivo è creare le condizioni per il superamento dell’attuale congiuntura negativa.

 

Beneficiari

Possono beneficiare delle operazioni previste dal presente accordo le piccole e medie imprese (PMI) operanti in Italia, così come definite dalla normativa comunitaria, appartenenti a tutti i settori.

Le PMI, al momento di presentazione della domanda, non devono avere posizioni debitorie classificate dalla banca o dall’intermediario finanziario vigilato (d’ora in poi, banca) come “sofferenze”, “partite incagliate”, “esposizioni ristrutturate” o “esposizioni scadute/sconfinanti” da oltre 90 giorni, né procedure esecutive in corso (imprese “in bonis”).

Le PMI beneficiarie sono quelle con una temporanea tensione finanziaria generata dalla congiuntura economica riscontrabile, ad esempio ed in via non esaustiva, per la presenza di uno o più dei seguenti fenomeni: i) riduzione del fatturato; ii) riduzione del margine operativo rispetto al fatturato; iii) aumento dell’incidenza degli oneri finanziari sul fatturato; iv) riduzione della capacità di autofinanziamento aziendale.

 

Tipo di sovvenzione

L’Accordo prevede i seguenti interventi:

Operazioni di sospensione dei finanziamenti.
1. sospensione per 12 mesi della quota capitale delle rate di mutui, anche se agevolati o perfezionati tramite il rilascio di cambiali;
2. sospensione per 12 mesi ovvero per 6 mesi della quota capitale dei canoni di operazione di leasing, rispettivamente immobiliare o mobiliare;
Operazioni di allungamento dei finanziamenti.
1. allungamento della durata dei mutui per un massimo del 100% della durata residua del piano di ammortamento e, comunque, non oltre 2 anni per i mutui chirografari e a 3 anni per quelli ipotecari;
2. allungamento fino a 270 giorni delle scadenze delle anticipazioni bancarie su crediti per i quali si siano registrati insoluti di pagamento;
3. allungamento per un massimo di 120 giorni delle scadenze del credito agrario di conduzione ex art.43 del TUB.
Operazioni volte a promuovere la ripresa e lo sviluppo delle attività.
1. operazioni di finanziamento connesse ad aumenti dei mezzi propri realizzati dall’impresa.

 

Tempistica 

Le domande potranno essere presentate dalle imprese fino al 30 Giugno 2014.

Ulteriori informazioni

@GoldenGroupBO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *