Brexit: quanto può costare al Made in Italy? Circa un miliardo, stima Prometeia

Brexit, quanto può costare all’esportazione dei prodotti made in Italy?Lo stima Prometeia, con ipotesi di introduzione dazi contenuti e la perdita potrebbe attestarsi a circa un miliardo di euro.

L’uscita dalla Ue potrebbe comportare l’introduzione per la prima volta da 40 anni di dazi sul mercato britannico e anche ipotizzando tariffe contenute, il dazio medio applicato alle imprese italiane dopo Brexit potrebbe essere superiore al 5% del valore esportato.
Immaginando che le imprese italiane mantengano invariati i prezzi in euro facendosi carico del dazio, potrebbe costare nel complesso più di 1 miliardo di euro, solo lo 0,25% dell’export italiano nel mondo. Lo stima Prometeia.
La forte specializzazione dell’offerta italiana nel Regno Unito nei settori della meccanica, della farmaceutica e degli altri mezzi di trasporto (un quarto dell’export manifatturiero Italiano nel paese) dovrebbe rendere la Brexit per alcuni settori della media-alta tecnologia meno stringente, segnala poi l’analisi di Prometeia.
Potrebbero uscire invece molto penalizzati diversi comparti del Made in Italy tradizionale, stima l’analisi. Applicando le tariffe medie di comparto ai flussi effettivi del 2015, le imprese dell’alimentare arriverebbero infatti a perdere 450 milioni di euro (il 14% delle proprie vendite sul mercato), la moda oltre 200 milioni di euro (il 9% di quanto esportato).

La svalutazione della sterlina potrebbe rappresentare per l’offerta italiana un rilevante, seppur temporaneo, svantaggio competitivo, agendo sulla competitività italiana sia sul mercato britannico (rispetto ai produttori nazionali) sia in paesi terzi dove le imprese italiane e britanniche competono più intensamente.
Da questo punto di vista, in realtà, Italia e Regno Unito non presentano elevati punti di “attrito”: negli oltre 120 microsettori analizzati da Prometeia, in meno di 30 Italia e Regno Unito risultano contemporaneamente tra i primi 10 esportatori mondiali. Di questi un terzo appartiene alla meccanica, mentre gli altri sono equamente distribuiti tra produzioni di beni di consumo (alimentare, abbigliamento, cosmesi, gioielleria e articoli sportivi), beni intermedi (chimici e per le costruzioni) e d’investimento (mobili per ufficio, aerospazio).

Non mancano casi di maggior competizione diretta, come i prodotti da forno, le forniture mediche e dentistiche, i mobili per ufficio, le specialità medicinali e, soprattutto, l’oreficeria e gioielleria (per cui oltre il 70% delle vendite extra Ue si rivolge agli stessi mercati).

Fonte: Ansa 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *