Contributi per le imprese energivore

Avranno diritto ad agevolazioni sugli oneri di sistema elettrico le “imprese a forte consumo di energia” e cioè quelle che rispettano entrambre le condizioni:

a. abbiano utilizzato almeno 1 GWh elettrico annuo (dal 1° gennaio 2018 possono richiedere l’iscrizione all’elenco delle imprese energivore anche le aziende che hanno avuto almeno 1 GWh medio annuo di consumi elettrici nel triennio 2014-2016);
b. siano caratterizzate da un Rapporto IIE (Indice Intensità Elettroenergetica) tra il costo del quantitativo di energia elettrica utilizzata nell’anno solare ed il fatturato dell’anno uguale o superiore al 2% (iFAT ≥ 2%).

Beneficiari

Le agevolazioni per le imprese energivore saranno riferite alle imprese che operano nel settore manifatturiero.

Tempistica

Le domande si potranno presentare indicativamente dal 1 settembre al 31 ottobre di ogni anno.

Per il 2018 è prevista la possibilità di integrare le dichiarazioni attestanti la titolarità dei nuovi requisiti delle imprese energivore tramite il portale, che verrà aperto nel mese di maggio (l’integrazione delle dichiarazioni dovrà avvenire entro e non oltre il termine perentorio di 30 giorni dalla data di apertura del portale).

Tipo di Sovvenzione

Per le imprese eleggibili è previsto uno sconto che varia in base all’indice di intensità elettrica su VAL (iVAL), ovvero al rapporto tra il costo per il consumo di energia elettrica e il valore aggiunto lordo dell’impresa (VAL).

 

Se iVAL < 20%

 

Classe iFAT Sconto intensitàFAT
2-10% 45%
10-15% 60%
> 15% 75%

 

Se iVAL > 20%

 

Classe iVAL Sconto VAL
20-30% 2,5% del VAL
30-40% 1,5% del VAL
40-50% 1% del VAL
>50% 0,5 % del VAL

One Comment on “Contributi per le imprese energivore”

  1. Ritengo estremamente interessante la misura agevolativa “Contributi per le imprese energivore” ma non ho letto da nessuna parte nel testo sopra riportato se il beneficio descritto ha come destinatarie le imprese manifatturiere di una delle regioni d’Italia o di tutte quelle operanti sull’intero territorio italiano.
    Posso sperare in una cortese risposta chiarificatrice in proposito. Anche a nome di tante altre imprese manifatturiere?
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *