Contributi imprese giovanili e femminile: fondo di garanzia della regione Toscana

reti-imprese

Contributi imprese giovanili e femminile, con il Fondo Garanzia della regione Toscana sono erogate agevolazioni per la realizzazione di progetti di investimento con l’obiettivo di sostenere la nuova imprenditorialità e contribuire allo sviluppo dell’occupazione.

La Regione Toscana, con l’istituzione del Fondo, intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento con l’obiettivo di sostenere la nuova imprenditorialità e contribuire allo sviluppo dell’occupazione. 

L’obiettivo della Regione Toscana consiste nella concessione di garanzie su finanziamenti a fronte di investimenti per:
– La costituzione e l’espansione di imprese giovanili;
– La costituzione e l’espansione di imprese giovanili con potenziale di sviluppo a contenuto innovativo;
–  La costituzione ed espansione di imprese femminili;
– La costituzione di imprese da parte di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali.

Beneficiari

Possono presentare domanda le Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) giovanili, femminili e dei lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali, in corso di costituzione ovvero di nuova costituzione o in espansione, esercitanti o che andranno ad esercitare un’attività economica identificata come prevalente nell’unità locale che realizza il programma di investimento, con sede legale e operativa in Toscana, rientrante nelle seguenti sezioni della Classificazione delle attività economiche ATECO ISTAT 2007:

Per imprese giovanili si indicano le MPMI in possesso di uno dei seguenti requisiti:
a. L’età del titolare dell’impresa non deve essere superiore a 40 anni;
b. L’età dei rappresentanti legali e di almeno il 50% dei soci, che detengono almeno il 51% del capitale sociale, ad esclusione delle società cooperative, non deve essere superiore a 40 anni. Il capitale sociale deve essere interamente sottoscritto da persone fisiche;
c. L’età dei rappresentanti legali e di almeno il 50% dei soci lavoratori, che detengono almeno il 51% del capitale sociale delle società cooperative, non deve essere superiore a 40 anni. L’assunzione di partecipazioni nel capitale sociale dei fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione non è preclusiva all’accesso alle agevolazioni.

Per imprese femminili si indicano le MPMI in possesso di uno dei seguenti requisiti:
a. La titolare dell’impresa deve essere donna;
b. I rappresentanti legali e almeno il 50% dei soci, che detengono almeno il 51% del capitale sociale, ad esclusione delle società cooperative, devono essere donne. Il capitale sociale deve essere interamente sottoscritto da persone fisiche;
c. I rappresentanti legali e almeno il 50% dei soci lavoratori che detengono almeno il 51% del capitale sociale delle società cooperative devono essere donne. L’assunzione di partecipazioni nel capitale sociale dei fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione non è preclusiva all’accesso alle agevolazioni.

Soggetti finanziatori
Sono ammessi i seguenti soggetti finanziatori aderenti al vigente Protocollo d’intesa Regione – Banche vigente:
a. Le banche iscritte all’albo di cui all’articolo 13 del D.lgs. 385/1993 e s.m.i;
b. Gli intermediari finanziari iscritti nell’elenco speciale di cui all’art. 107 del D.lgs. 385/1993;

Le garanzie non potranno essere rilasciate dal fondo a fronte di finanziamenti concessi dallo stesso soggetto gestore e/o da altri soggetti appartenenti al suo gruppo bancario.

Tipo di sovvenzione

La garanzia è rilasciata ai soggetti finanziatori per un importo massimo garantito non superiore all’80% dell’importo di ciascuna operazione finanziaria. Nei limiti di tale importo, la garanzia rilasciata copre fino all’80% dell’ammontare dell’esposizione – per capitale e interessi contrattuali e di mora – del soggetto finanziatore nei confronti dell’impresa beneficiaria, calcolato al sessantesimo giorno successivo alla data di intimazione di pagamento.

L’importo massimo garantito è pari a Euro 250.000,00 per singola impresa tenuto conto dell’esposizione residua alla data di presentazione della domanda di garanzia.

In ogni caso l’importo massimo garantito in favore di una singola impresa o gruppo non potrà mai superare il 25% dell’importo del fondo di garanzia al netto delle perdite liquidate.

La garanzia è rilasciata senza oneri o spese a carico del soggetto beneficiario l’agevolazione.

Sui finanziamenti garantiti il soggetto finanziatore non può acquisire garanzie reali, bancarie e assicurative.

Agevolazione concessa in regime de minimis (Regolamento UE n. 1407/2013)

Tempistica

Le richieste di garanzia possono essere presentate a partire dalle ore 09.00 del 01 Settembre 2014 e fino al 30 Settembre 2015. (Valutazione a sportello fino ad esaurimento delle risorse disponibili).

Ulteriori informazioni

@GoldenGroupBO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *