Contributi imprese Veneto: finanziamenti alle aggregazioni per progetti di internazionalizzazione e innovazione

credito-agevolato-impresa

contributi innovazione imprese

Contributi imprese Veneto, con il “Bando a sportello per il Finanziamento di Progetti sviluppati dalle Aggregazioni di Impresa” previste risorse per il finanziamento di interventi presentati dalle aggregazioni di imprese.

I progetti devono favorire, tramite l’aggregazione, la competitività sul mercato delle imprese fra di loro aggregate, razionalizzando i costi, unendo le capacità, favorendo lo scambio di conoscenze e competenze, funzionali alla ricerca e all’innovazione sia di prodotto che di processo, nonché l’internazionalizzazione, lo sviluppo sostenibile e la salvaguardia ambientale.

Gli interventi finanziabili sono i seguenti:

Misura A) Internazionalizzazione:
La misura finanzia progetti d’internazionalizzazione relativi ad attività di consulenza riguardanti studi volti al lancio di nuovi prodotti o di prodotti già esistenti su un nuovo mercato in un altro Paese. A complemento della proposta progettuale d’internazionalizzazione è ammissibile la partecipazione delle imprese dell’aggregazione a manifestazioni fieristiche di rilievo internazionale.
Potranno essere finanziati anche i costi di consulenza relativi alla gestione, pianificazione, coordinamento e monitoraggio delle attività solo se riferiti all’impiego di una figura manageriale, esterna al personale delle imprese dell’aggregazione, a carattere temporaneo (cd. Temporary Manager).

Misura B) Ricerca e Innovazione:
La misura finanzia progetti di ricerca industriale, di sviluppo sperimentale, di innovazione di processo, di prodotto e gli studi di fattibilità.

I progetti di ricerca industriale potranno riguardare le attività di ricerca pianificata e lo svolgimento di indagini con l’obiettivo di acquisire nuove conoscenze e capacità da utilizzare per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi o per apportare un notevole miglioramento ai prodotti, processi o servizi esistenti, anche con l’ausilio di centri di Innovazione e Trasferimento Tecnologico (CITT) del Veneto e centri di ricerca. Saranno
anche finanziabili fasi progettuali che prevedano la creazione di componenti di sistemi complessi, la realizzazione di prototipi in ambiente di laboratorio e la realizzazione di linee pilota, quali attività di completamento della ricerca industriale

 

Misura C) Sviluppo Sostenibile e Salvaguardia Ambientale:
La misura finanzia progetti di ricerca industriale, di sviluppo sperimentale, studi di fattibilità riguardanti tecnologie e prodotti ecosostenibili e/o biocompatibili nell’ambito dell’aggregazione.
Potranno, altresì, essere finanziati i costi di consulenza relativi alla gestione, pianificazione, coordinamento e monitoraggio delle attività solo se riferiti all’impiego di una figura manageriale, esterna al personale delle imprese dell’aggregazione, a carattere temporaneo (cd. Temporary Manager).
A complemento della progettualità sono anche consentiti studi propedeutici relativi all’analisi della domanda ai fini dello sviluppo di un prodotto ecosostenibile e/o biocompatibile.

Per le misure che prevedono anche l’acquisizione di servizi prestati da figure manageriali (Temporary Manager), il professionista è finanziabile solo se associato o accreditato presso organizzazioni associative di rappresentanza di manager e/o società attive nel temporary management, che abbiano le seguenti caratteristiche:
–  Associazioni rappresentative di manager, che hanno sottoscritto contratti nazionali;
–  Associazioni che hanno come scopo sociale la promozione dell’attività di temporary manager;
– Società di capitali che risultino attive, iscritte con il codice ATECO 70.22 alla Camera di Commercio, aventi sede o unità locale operativa in Veneto, in regola col pagamento del diritto annuale, svolgenti l’attività di prestazione di servizi alle imprese e che dimostrino di avere esercitato attività di fornitura di temporary manager ovvero l’inserimento di manager in imprese dei clienti per periodi di tempo determinati.

Beneficiari

Possono concorrere all’assegnazione dei contributi previsti dal presente bando le indicate forme di aggregazione costituite nel numero minimo di 3 (tre) imprese, di dimensione piccola o media (PMI), aventi sede operativa in Veneto:
a. Imprese riunite nelle forme di: consorzio con attività esterna, società consortile, società cooperativa;
b. Associazioni di imprese, anche temporanee (A.T.I.) e appositamente costituite per la realizzazione del progetto per il quale è richiesto il finanziamento;
c. Imprese riunite con contratto di rete, come definito dalla legislazione vigente, per il quale dovrà essere preventivamente definito l’organo comune incaricato di gestire, in nome e per conto dei partecipanti, l’esecuzione del progetto oggetto della richiesta di finanziamento.

Le PMI aggregate, devono essere tra loro autonome.

Tipo di sovvenzione

L’agevolazione, in conto capitale, è concessa nella misura del 50% della spesa ammissibile compresa tra euro 30.000,00 ed euro 300.000,00. Di conseguenza, il contributo massimo concedibile per la realizzazione di ciascun intervento progettuale è di euro 150.000,00.

E’ applicato d’ufficio il regime di esenzione ai sensi del Regolamento (UE) n. 651/2014, salvo i casi di non applicabilità o di istanza specifica formulata dall’aggregazione di imprese in sede di presentazione della domanda di ammissione al contributo per cui l’aiuto è concesso in regime de minimis ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407/2013.

Tempistica

La domanda potrà essere presentata a partire dalle ore 10.00 del giorno 30 ottobre 2014 fino alle ore 17.00 del giorno 10 novembre 2014. (valutazione a sportello fino ad esaurimento delle risorse disponibili)

Ulteriori informazioni

@GoldenGroupBO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *