Iniziativa di investimento in risposta al coronavirus

Con questa nuova iniziativa la Commissione europea propone di destinare 37 miliardi di euro nell’ambito della politica di coesione per la lotta al coronavirus. Tra le proposte discusse c’è anche quella di sospendere per l’anno in corso l’obbligo di chiedere agli Stati membri di rimborsare i prefinanziamenti non spesi per i fondi strutturali.

Così si è espressa la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen:

“La pandemia del Coronavirus sta mettendo tutti noi alla prova. È non solo una sfida senza precedenti per i nostri sistemi sanitari, ma anche un duro colpo per le nostre economie. Il pacchetto economico considerevole annunciato oggi fa fronte alla situazione attualesiamo pronti a fare di più in base all’evolvere della situazione stessa. Faremo tutto il necessario per sostenere gli europei e l’economia europea.”

Flessibilità della disciplina per gli aiuti di Stato

Le norme dell’UE in materia di aiuti di Stato consentono agli Stati membri di agire in modo rapido ed efficace per sostenere i cittadini e le imprese, in particolare le PMI, che incontrano difficoltà economiche a causa dell’epidemia di Covid-19. Gli Stati membri possono elaborare misure di sostegno in linea con le vigenti norme dell’UE come:

  • integrazioni salariali
  • sospensione dei pagamenti delle imposte sulle società e sul valore aggiunto
  • contributi sociali
  • sostegni finanziari ai consumatori
  •  compensazione alle imprese

 Flessibilità del quadro di bilancio europeo

La Commissione proporrà al Consiglio di sfruttare la flessibilità prevista dal quadro di bilancio per attuare le misure urgenti necessarie a contenere la diffusione di Covid-19 e attenuarne gli effetti socioeconomici negativi.

Solidarietà nel mercato unico

La Commissione sta inoltre fornendo orientamenti agli Stati membri su come mettere in atto adeguati meccanismi di controllo per la sicurezza dell’approvvigionamento. È in fase d’avviamento una procedura accelerata congiunta di appalto per l’acquisto di forniture mediche.

 Mobilitare il bilancio dell’UE

Per apportare un sollievo immediato alle PMI duramente colpite, il bilancio dell’UE metterà a disposizione gli strumenti esistenti per sostenere le imprese colpite con liquidità, integrando le misure adottate a livello nazionale. Previste anche sospensioni dei debiti ai debitori colpiti dalla crisi.

 Attenuare l’impatto sull’occupazione

La Commissione è pronta a sostenere gli Stati membri promuovendo in particolare regimi di lavoro a tempo ridotto, programmi di perfezionamento professionale e di riqualificazione; accelerando inoltre l’elaborazione della proposta legislativa relativa a un regime europeo di riassicurazione della disoccupazione volto a sostenere le politiche degli Stati membri a tutela dell’occupazione e delle competenze.