CREDITO D’IMPOSTA AFFITTI (NEGOZI E BOTTEGHE) VERSO L’ESTENSIONE ANCHE AD ALTRE CATEGORIE

Nel “menù” del Decreto Aprile in arrivo tra il 20 e il 25 aprile potrebbe ritargliarsi un posto il bonus affitti potenziato, che non sarà più riconosciuto solo per botteghe e negozi, ma potrebbe essere esteso a tutte le locazioni di immobili destinati ad uso non abitativo colpiti dalle misure di contenimento dell’epidemiaIn prima fila gli alberghi, ma anche capannoni d’azienda, ristoranti e bar, solo per citarne alcuni.

Sul bonus affitti, cui stanno lavorando i tecnici, le ipotesi di intervento sono più di una, sia per l’affittuario sia per il locatore. Per chi in questi mesi è costretto a versare i canoni di locazione ma allo stesso tempo è obbligato a sospendere l’attività si starebbe lavorando a una proroga del bonus del 60% del canone di locazione riservato, per il solo mese di marzo dall’articolo 65 del Dl n. 18, agli esercenti attività di commercio al dettaglio e servizi per la persona che sono state sottoposte, in tutto o in parte, alle chiusure e alle restrizioni dovute all’esigenza di contenimento del contagio da Covid-19.

Oltre alla proroga si starebbe valutando l’ipotesi di autorizzare l’accesso al bonus anche a tipologie di locazioni di immobili ad uso non abitativo oggi esclusi come gli alberghi, i ristoranti, i piccoli centri commerciali. Ma sotto la lente ci sarebbero anche i capannoni delle imprese o ancora gli affitti d’azienda.

Per chi è costretto a pagare l’affitto nonostante l’attività sia bloccata il Governo pensa anche alla possibilità di cedere il credito di imposta al proprietario dell’immobile così da ottenere uno sconto sul canone di locazione dovuto. Per sostenere anche i proprietari dal rischio di non vedersi comunque pagare per lungo tempo i canoni d’affitto l’idea allo studio sarebbe quella di prevedere che le entrate ricavate dalle locazioni di immobili commerciali colpiti dalle restrizioni siano tassate secondo un criterio di cassa e dunque entrerebbero nel reddito su cui il proprietario sarà chiamato a pagare le imposte solo una volta che le somme degli affitti siano state realmente incassate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *