Tre le misure previste dalla ministra Bellanova

È arrivato nella mattinata di oggi (n.d.r 11 maggio) l’accordo definitivo tra le Regioni per il nuovo decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, il quale prevede lo stanziamento di 100 milioni di fondi per l’agricoltura, la pesca e l’acquacoltura suddivisi in tre misure distinte:

  • Ismea: copertura degli interessi passivi sui finanziamenti bancari
  • Agea: copertura degli interessi dei mutui 2018-19
  • Copertura per la sospensione temporanea delle attività

Ismea: copertura degli interessi passivi sui finanziamenti bancari

Saranno stanziati 20 milioni di euro per coprire gli interessi passivi sui finanziamenti bancari e per ristrutturare i debiti nell’esercizio dell’impresa (agricola, della pesca e dell’acquacoltura).

Spese ammissibili

Per ciascuna impresa il contributo massimo ammissibile ammonta a 20 mila euro.

Procedura

Ismea, nell’ottica di rendere quanto più accessibili i contributi alle imprese, ha previsto una semplificazione importante della misura; sarà infatti possibile richiedere i contributi direttamente alle banche. Queste si occuperanno poi di gestire la pratica sul portale del soggetto istruttore Ismea.

AGEA: copertura interessi mutui 2018/19

Per sostenere le imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura sarà inoltre attivata e gestita da Agea una misura dal plafond di 60 milioni di euro, la quale andrà a coprire i costi sostenuti per gli interessi maturati e già pagati sui mutui del biennio 2018-2019.

Spese ammissibili

Il contributo minimo è di 500 euro e potrà arrivare fino ad un massimo di 6000 euro per impresa. È necessario essere forniti di fascicolo aziendale.

Procedura

In maniera analoga con la misura di Ismea, anche in questo caso si è cercato di snellire e facilitare le pratiche di accesso ai contributi, con le banche che si occuperanno autonomamente di caricare tutti i dati necessari sul portale di AGEA. Il contributo sarà erogato con un anticipo del 70%, con controlli rinviati al momento del saldo (come da DL Cura Italia).

Copertura per la sospensione temporanea delle attività

A causa dell’emergenza Covid-19 numerose attività, specie nei settori della pesca e dell’acquacoltura, sono state fermate o notevolmente rallentate, nel corso degli ultimi due mesi. Il Mipaaf stanzierà dunque, all’interno di un successivo decreto20 milioni di euro per compensare le chiusure forzate delle imprese.