Assunzioni agevolate per gli under 36: l’INPS detta le istruzioni operative per la fruizione dell’esonero legato alle assunzioni effettuate nel 2021.

Assunzioni agevolate per gli under 36. L’INPS detta le istruzioni operative.

L’INPS, con il messaggio n. 3389 pubblicato il 07-10-2021, ha fornito le istruzioni operative per la fruizione dell’incentivo per le assunzioni agevolate previsto dall’art. 1 commi 10-15 della Legge di Bilancio 2021, a seguito dell’autorizzazione della Commissione Europea resa nota con la decisione C(2021) 6827 final del 16 settembre 2021, limitatamente alle assunzioni effettuate nel corso dell’anno 2021.

Sarà necessario aspettare l’esito del procedimento di autorizzazione da parte della Commissione Europea, per le istruzioni riferite alle assunzioni dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022.

L’art. 1 commi 10-15 della L. 178/2020 prevede che per le nuove assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato, effettuate nel 2021-2022, l’esonero contributivo di cui all’art. 1 commi 100-105 e 107 della L. 205/2017 sia riconosciuto nella misura del 100%, per un periodo di massimo 36 mesi, nel limite di importo pari a 6.000 euro annui.

L’esonero fa riferimento a tutti coloro che, alla data della prima assunzione incentivata ai sensi dei commi 10-15, non abbiano compiuto il trentasei anni di età e non siano mai stati occupati a tempo indeterminato nel corso della loro vita lavorativa. Va precisato che requisito anagrafico si intende soddisfatto qualora il lavoratore abbia un’età inferiore o uguale a trentacinque anni e 364 giorni.

Questo esonero contributivo viene inoltre riconosciuto, per un periodo massimo di 48 mesi, ai datori di lavoro privati che assumano dipendenti in una sede o unità produttiva ubicata nelle seguenti regioni: Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna.

Chi può beneficiare della misura per le assunzioni agevolate?

Possono beneficiare dell’agevolazione per le assunzioni agevolate tutti i datori di lavoro privati, inclusi quelli del settore agricolo.

Invece, la misura non è applicabile nei confronti:

  • Della Pubblica Amministrazione e per le imprese del settore finanziario (che svolgono le attività indicate nella classificazione NACE alla sezione “K” – Financial and insurance activities).
  • Dei rapporti di apprendistato, i contratti di lavoro domestico, l’assunzione con contratto di lavoro intermittente e l’assunzione di personale con qualifica dirigenziale.

Con circ. n. 56 dello scorso 12 aprile 2021, l’Istituto Previdenziale ha fornito le prime indicazioni applicative della misura in esame.

L’esonero introdotto dalla Legge di Bilancio 2021 non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente, limitatamente al periodo di applicazione degli stessi.

L’incentivo per le assunzioni agevolate è concesso ai sensi della sezione 3.1 della comunicazione della Commissione europea C(2020) 1863 final del 19 marzo 2020, e successive modificazioni, recante un “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19” e nei limiti e alle condizioni di cui alla medesima comunicazione (art. 1 comma 14 della L. 178/2020).

Dal punto di vista operativo, i datori di lavoro che scelgono di beneficiare dell’agevolazione per le nuove assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato effettuate a decorrere dal 1° gennaio 2021, dovranno esporre, a partire dal flusso UniEmens di competenza del mese di settembre 2021, i lavoratori per i quali spetta l’esonero.

Per questo scopo sono stati istituiti i codici causale:

  • “GI36”, per assunzioni/trasformazioni ex art. 1 comma 10 della L. 178/2020;
  • “GI48”, per le assunzioni/trasformazioni ex art. 1 comma 11 della L. 178/2020 (effettuate in una sede o unità produttiva ubicata in Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna).

Valorizzazione dell’elemento “AnnoMeseRif” per i mesi pregressi.

La valorizzazione dell’elemento “AnnoMeseRif”, relativi ai mesi pregressi (dal mese di gennaio 2021 e fino al mese precedente l’esposizione del corrente), può essere effettuata esclusivamente nei flussi UniEmens di competenza dei mesi di settembre, ottobre e novembre 2021.

Sono state infine dettate le istruzioni operative per la fruizione dell’esonero per le aziende agricole tenute alla denuncia attraverso il sistema PosAgri.

Per approfondimenti e news sulle assunzioni agevolate, resta aggiornato sul nostro blog.