CREDITO D'IMPOSTA BENI STRUMENTALI 4.0 – 2020


Che cosa sono gli investimenti dei beni strumentali 4.0 e come aiutano le aziende?

L’agevolazione per gli investimenti in beni strumentali è destinata a supportare e incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali. Lo scopo è di favorire i processi di transizione digitale delle imprese, la spesa privata in ricerca e sviluppo e in innovazione tecnologica, anche nell’ambito dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale.

Quali misure di supporto prevede il credito di imposta per i beni strumentali

L’agevolazione si concretizza in un credito d’imposta riconosciuto nelle seguenti misure:

Quali sono i soggetti beneficiari del credito di imposta

Possono beneficiare del credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione, dal regime contabile e dal sistema di determinazione del reddito ai fini fiscali. Il credito d’imposta del 6% per gli investimenti in altri beni strumentali materiali è riconosciuto anche agli esercenti arti e professioni.

Le condizioni per poter usufruire del credito di imposta

Il credito si applica agli investimenti effettuati a decorrere dal 1 gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, ovvero entro il 30 giugno 2021 a condizione che entro il 2020 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.