PMI Veneto: al via a fondi per acquisto di strumenti di prevenzione e DPI

bando veneto dpi

REGIONE E UNIONCAMERE VENETO LANCIANO IL BANDO

I due enti si sono mossi a sostegno di un bando a favore di piccole e medie imprese (PMI) che hanno dovuto sostenere dei costi per l’acquisizione di dispositivi di protezione individuale (DPI) e strumenti di prevenzione in seguito all’epidemia di Covid-19. Sono coinvolti i settori:

  • Industria
  • Artigianato
  • Commercio
  • Servizi

FONDI MESSI IN CAMPO PER LE PMI

La misura pensata per le PMI venete godrà di una dotazione di euro 3.000.000,00, dei quali

  • euro 2.000.000,00 dalla Regione Veneto
  • euro 1.000.000,00 da Unioncamere, mediante le disponibilità delle cinque Camere di commercio regionali, le quali parteciperanno ognuna per una quota pari ad euro 200.000,00.

La quota di cofinanziamento regionale sarà destinata esclusivamente all’erogazione di contributi a copertura di spese di investimento.

CHI POTRA’ PARTECIPARE

Potranno partecipare al bando esclusivamente le piccole e medie imprese dei settori industria, artigianato, commercio e servizi che hanno dovuto sostenere dei costi per l’acquisizione di dispositivi di protezione individuale (DPI) e strumenti di prevenzione in seguito all’epidemia.

Unioncamere si impegna ad utilizzare il cofinanziamento regionale esclusivamente per la copertura di spese configurabili come investimenti (quali ad es. dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea; attrezzature per la sanificazione e igienizzazione dei locali; etc.).

SPESE DI NATURA CORRENTE

I fondi camerali saranno rivolti alle imprese delle aree provinciali di competenza di ciascuna camera a copertura delle spese di natura corrente:

  • mascherine filtranti
  • chirurgiche
  • FFP1, FFP2 e FFP3
  • guanti in lattice
  • in vinile e in nitrile
  • dispositivi per protezione oculare

L’entità del contributo, da erogare in regime de minimis, sarà pari all’80% della spesa sostenuta, fino ad un importo massimo di euro 4.000,00.

 

LEGGI ANCHE: SANIFICAZIONE E DPI: ADEGUAMENTO AMBIENTI DI LAVORO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *