Bonus pubblicità


A cosa serve

La presente misura agevolativa riconosce un credito di imposta alle imprese e ai lavoratori autonomi ed enti non commerciali che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica, locale e nazionale, anche online, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali e nazionali, analogiche o digitali, non partecipate dallo Stato.
Sono previsti due bonus pubblicità distinti: uno per gli investimenti incrementali sulla stampa locale e/o nazionale, quotidiana e periodica, anche online, e uno per quelli sulle emittenti radio-televisive locali e nazionali, non partecipate dallo Stato. Nel caso di investimenti pubblicitari articolati su entrambi i mezzi di informazione, l’incremento relativo all’investimento pubblicitario è calcolato distintamente in relazione ai due mezzi informativi, previa verifica della condizione che l’investimento nel suo complesso superi quello dell’anno precedente di un importo pari ad almeno l’1%.

DEROGA PER IL 2020: L’espresso riferimento al “valore degli investimenti pubblicitari effettuati”, in assenza di un qualsivoglia richiamo al loro valore incrementale, fa venir meno, per l’anno 2020, il presupposto dell’incremento minimo dell’1% dell’investimento pubblicitario, rispetto all’investimento dell’anno precedente, quale requisito per l’accesso all’agevolazione fiscale. Ciò comporta che, limitatamente all’anno 2020, possono accedere all’agevolazione anche i soggetti che programmano investimenti inferiori rispetto a quelli effettuati nel 2019, i soggetti che nell’anno 2019 non abbiano effettuato investimenti pubblicitari ed infine i soggetti che hanno iniziato la loro attività nel corso dell’anno 2020.

Quali vantaggi

Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati rispetto all’esercizio precedente.
Limitatamente all’anno 2020, il credito d’imposta è concesso nella misura unica del 50% del valore degli investimenti effettuati. L’ammontare del contributo sarà quindi calcolato non sulla base dell’incremento registrato ma, esclusivamente, sugli investimenti da effettuare.

A chi si rivolge

Tutte le imprese o lavoratori autonomi, indipendentemente dalla natura giuridica assunta, dalle dimensioni aziendali e dal regime contabile adottato, nonché gli enti non commerciali.

Come si accede

Per usufruire del credito di imposta è necessario presentare:
· La Comunicazione per l’accesso al credito di imposta, contenente i dati degli investimenti effettuati o da effettuare nell’anno agevolato, per poter beneficiare del credito di imposta, dal 1° al 31 Marzo di ciascun anno;
· La Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati per dichiarare l’effettiva realizzazione, nell’anno agevolato, degli investimenti indicati nella Comunicazione di cui sopra, inviata in precedenza, deve essere trasmessa dal 1° al 31 Gennaio dell’anno successivo agli investimenti effettuati.