L’INPS con una nuova circolare ha fornito le istruzioni per usufruire dello sgravio fiscale turismo e lavoratori stagionali. Si tratta dell’esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali previsto in favore dei datori di lavoro privati per le assunzioni a tempo determinato o le stabilizzazioni nei settori del turismo e degli stabilimenti termali. L’esposizione del beneficio potrà essere effettuata attraverso le denunce contributive di competenza dei mesi di luglio, agosto e settembre 2022.

Beneficiari.

I beneficiari dello sgravio fiscale turismo e lavori stagionali sono i datori di lavoro privati dei settori del turismo e degli stabilimenti termali che effettuano assunzioni a tempo determinato o con contratto di lavoro stagionale. Inoltre lo sgravio fiscale è previsto per quei contratti a termine di lavoro subordinato a tempo indeterminato tra l’1 gennaio e il 31 marzo 2022.

L’esonero contributivo spetta anche per le assunzioni a scopo di somministrazione, purché tali contratti riguardino il settore del turismo o degli stabilimenti termali.

Specifiche del contributo. 

 

L’esonero contributivo può essere riconosciuto se sussistono le seguenti condizioni:
  • rispetto della regolarità degli obblighi di contribuzione previdenziale;
  • assenza di violazioni delle norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro e rispetto degli altri obblighi di legge;
  • rispetto degli accordi e contratti collettivi;
  • applicazione dei principi generali in materia di incentivi all’occupazione.

 

Lo sgravio fiscale turismo è riconosciuto è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, per un importo massimo di 8.060 euro su base annua.
Invece la soglia massima di esonero della contribuzione mensile è pari a 671,66 euro e, per rapporti di lavoro instaurati e risolti nel corso del mese, questa soglia va riproporzionata considerando la cifra di 21,66 euro per ogni giorno di fruizione dell’esonero contributivo.
Infine nelle ipotesi di rapporti di lavoro a tempo parziale, il massimale dell’agevolazione deve essere proporzionalmente ridotto.

Tempistiche di presentazione della domanda.

 

Per beneficiare dello sgravio fiscale turismo il datore di lavoro interessato dovrà inoltrare all’INPS, la domanda di ammissione fornendo le seguenti informazioni:
  • dati del lavoratore nei confronti del quale è intervenuta l’assunzione o la trasformazione;
  • codice della comunicazione obbligatoria relativa al rapporto instaurato;
  • importo della retribuzione mensile media;
  • eventuale percentuale di part-time nel caso di svolgimento della prestazione lavorativa a tempo parziale;
  • misura dell’aliquota contributiva datoriale oggetto dello sgravio.

 

L’invio delle domande di ammissione allo sgravio fiscale turismo deve essere effettuato entro e non oltre il 30 giugno 2022. Una volta accantonate le risorse il soggetto interessato potrà fruire dell’importo spettante, in quote mensili, a partire dal mese di assunzione.
Per ulteriori dettagli su sgravio turismo e stagionali contatta Golden Group e resta aggiornato sul nostro blog!