Il Ministero dello Sviluppo Economico, con un comunicato del 16 maggio 2022, rende nota l’operatività di due misure a sostegno della filiera della ceramica artistica e tradizionale e del vetro artistico di Murano. I fondi previsti hanno lo scopo di contenere gli effetti negativi causati dalla pandemia da COVID-19 e dagli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale, concedendo così un ristoro ad un piccolo settore di eccellenza.

Beneficiari.

Il Fondo a sostegno della ceramica artistica e del vetro artistico di Murano si rivolge alle imprese la cui attività è individuata dai codici ATECO 2007 23.1 o ATECO 2007 23.41, con sede operativa nell’isola di Murano (comune di Venezia). Mentre il provvedimento relativo alla valorizzazione delle imprese operanti nel settore della ceramica ha come requisito fondamentale che queste siano individuate con il codice ATECO primario 23.41.

Specifiche del contributo.

Le due misure in oggetto sono così ripartite:

  • Fondo a sostegno della ceramica artistica e del vetro artistico di Murano. Si tratta di contributi a fondo perduto finalizzati a ridurre i costi delle bollette di gas e dell’energia elettrica per l’anno 2022 di entrambi i settori;
  • Valorizzazione ceramica. In questo caso sono i finanziamenti previsti per la realizzazione di progetti volti alla valorizzazione del settore della ceramica artistica e tradizionale, nonché della ceramica di qualità.

Nel complesso le due misure prevedono un finanziamento pari a dieci milioni di euro equamente ripartiti.

Più nel dettaglio, per quanto riguarda il fondo a sostegno della ceramica artistica e del vetro artistico di Murano, sono ritenute ammissibili le spese per le bollette energetiche nel periodo compreso tra il 16 maggio ed il 31 agosto 2022, per le sole forniture di gas naturale ed energia elettrica. Il contributo a fondo perduto è erogato in via anticipata e le agevolazioni non sono cumulabili con nessun’altra fonte di finanziamento pubblica nazionale, europea o regionale. Infine, entro dieci giorni dalla data di erogazione del contributo anticipato, l’impresa beneficiaria è tenuta a trasmettere attestazione dell’avvenuto pagamento.

Invece il provvedimento relativo alla valorizzazione del settore della ceramica prevede un contributo in conto capitale per importi non superiori all’80% delle spese totali ammissibili. L’importo, comunque, non potrà essere superiore a 50.000 euro per singola impresa.

I progetti che possono godere di questa forma di contributo devono avere specifiche finalità, tra le quali:

  • lo sviluppo di piattaforme informatiche dedicate al settore;
  • lo sviluppo tecnologico dell’impresa;
  • lo sviluppo industriale avente ad oggetto l’acquisto di uno o più macchinari nuovi di fabbrica. In questo caso è necessaria la dichiarazione liberatoria del fornitore attestante il requisito nuovo di fabbrica.

Tempistiche di presentazione della domanda.

Le tempistiche di presentazione delle domande sono differenti per ognuna delle due misure. Infatti per il fondo a sostegno della ceramica artistica e del vetro artistico di Murano le domande devono essere presentate via PEC a Invitalia dal 17 maggio 2022 ed entro il termine del 15 settembre 2022. Invece per quanto riguarda il provvedimento relativo alla valorizzazione del settore ceramico, le imprese dovranno richiedere accesso alle agevolazioni dal 1 giugno 2022 al 30 giugno 2022.

Le domande di rimborso dovranno poi contenere la relazione tecnica di progetto relativa alle attività e alle spese effettuate, corredata da copia dei titoli giustificativi delle spese sostenute e dei titoli di pagamento delle stesse. Ciascuna impresa può presentare una sola istanza.

Infine i contributi in conto capitale sono concessi sulla base di procedura valutativa con procedimento a sportello.

Per ulteriori dettagli e per beneficiare dei finanziamenti previsti contatta Golden Group oppure resta aggiornato sul nostro blog!