In data 21 settembre è stato notificato il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile che sancisce le modalità e i dettagli tecnici per l’assegnazione di 500 mln di euro sotto forma di contributi agli armatori per l’acquisto di nuove navi green o l’ammodernamento di quelle esistenti o in costruzione. L’obiettivo della misura è quindi quello di favorire la transizione ecologica della flotta.

Specifiche del contributo

In particolare, le risorse previste dal Pnrr saranno attribuite a progetti presentati dalle imprese armatoriali che siano in grado di assicurare migliori performance ambientali e un significativo abbattimento delle emissioni inquinanti delle navi, anche nei porti, grazie all’uso di sistemi di propulsione di ultima generazione, batterie elettriche, soluzioni ibride o comunque innovative sotto il profilo idrodinamico, sistemi digitali di controllo o della sostenibilità dei materiali.

Nel dettaglio, i contributi vanno a finanziare tre tipologie di intervento:

  • 225 milioni sono destinati a interventi di rinnovo delle navi;
  • 225 milioni per interventi di completamento di nuove unità navali dotate di impianti di propulsione a basso impatto ambientale;
  • 50 milioni per interventi di rinnovo di unità navali operanti nei porti italianicome i rimorchiatori.

I miglioramenti dal punto di vista della riduzione delle emissioni di gas climalteranti ottenibili grazie alle proposte che vengono presentate per l’ammissione al contributo dovranno essere certificati dagli organismi terzi specializzati.

Tempistiche di presentazione delle domande

Le domande per accedere al contributo per le navi green dovranno essere presentate entro le ore 13 del 21 novembre 2022.

Infine la procedura di gara verrà conclusa entro il 31 dicembre 2022 con l’individuazione dei beneficiari.