La Regione Piemonte ha scelto di destinare quasi 92 milioni di euro alle imprese del territorio che intendo investire in efficientamento energetico e utilizzo delle energie rinnovabili

Gli obiettivi della misura possono essere così riassunti:

  • rendere più efficienti gli impianti di produzione e gli edifici;
  • abbattere i consumi di energia primaria;
  • ridurre le emissioni di anidride carbonica a favore della sostenibilità ambientale.

Specifiche del contributo

“Questo è sicuramente uno dei provvedimenti più importanti dedicati all’ efficienza energetica e per promuovere le energie da fonti rinnovabili” – affermano le istituzioni.

Difatti il 2023 verrà dedicato alle misure strutturali per abbattere i costi energetici e rendere le nostre imprese competitive. Sostenere e aiutare le imprese per farle crescere dal punto di vista della competitività nel rispetto dell’ambiente è uno dei capisaldi dello sviluppo imprenditoriale del nostro territorio”.

Verranno dunque stanziati finanziamenti, recuperati dal Fondo europeo di sviluppo regionale 2021-27, che comprenderanno principalmente:

  • 68 milioni di euro per impianti di cogenerazione ad alto rendimento, razionalizzazione dei cicli produttivi, utilizzo efficiente dell’energia, efficientamento energetico e installazione di sistemi per l’automazione degli edifici, sviluppo di processi innovativi volti al risparmio energetico;
  • 23,8 milioni per la promozione delle energie rinnovabili unitamente agli interventi di efficientamento energetico, quali impianti di cogenerazione a fonti rinnovabili e ad alto rendimento, produzione di energia elettrica mediante lo sfruttamento dell’energia idraulica e solare fotovoltaica, produzione di energia termica a partire da quella dell’ambiente (geotermica, solare termica o da biomassa), produzione di idrogeno verde da energia elettrica rinnovabile, realizzazione di sistemi di accumulo o stoccaggio dell’energia.

Bisognerà infine attendere ulteriori aggiornamenti, previsti nel mese di gennaio 2023, per quanto concerne la data di pubblicazione del bando e le successive fasi di accesso.