Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, il 4 settembre ha approvato il Decreto per limitare le conseguenze del caro carburante. L’Avviso spiega le modalità di erogazione dei 15 milioni di euro istituiti per le imprese che erogano servizi di trasporto persone su autobus, non sottoposte a obbligo di servizio pubblico, e che riscontrano difficoltà di liquidità dovuti agli aumenti eccezionali dei prezzi dei carburanti e dei prodotti energetici.

Beneficiari

  • Imprese di trasporto che esercitano servizi interregionali di competenza statale;
  • Aziende titolari di autorizzazione all’esercizio della professione e titolari di autorizzazione rilasciate dalle Regioni e dagli Enti locali;
  • Imprese di trasporto di persone effettuato attraverso noleggio di autobus con conducente.

Specifiche del contributo

Il contributo per contrastare il caro carburante sarà erogato fino al 20% della spesa sostenuta nel secondo quadrimestre del 2022 per l’acquisto di carburante. Si tratta di una misura destinata all’alimentazione di autobus M2 e M3 a basso impatto ambientale (a metano – CNG, gas naturale liquefatto – GNL, ibrido diesel/elettrico, a motorizzazione termica almeno di classe Euro 5).

Inoltre le domande devono essere sottoscritte digitalmente e dovrà essere allegata la copia delle fatture o la documentazione attestante l’acquisto avvenuto in Italia del carburante.